.
Annunci online

generazioneuroma
U Connection

politica interna
13 febbraio 2008
Franca rame e l'uranio impoverito
Ciao a tutti,

è arrivata una risposta da parte di Franca Rame alla mia lettera aperta alla politica, oggi pubblicata anche su www.francarame.it e con l'auspicio che giri tra gli elettori.

Poi volevo comunicarvi che è morto un altro soldato per le patologie legate all'uranio impoverito. La vittima della sindrome dei Balcani stavolta si chiama Fabio Maniscalco, 43 anni candidato al premio Nobel per la pace 2008, per le sue ricerche archeologiche nei territori di guerra. 
I dettagli della vicenda su:
http://www.rivistaonline.com/Rivista/ArticoliPrimoPiano.aspx?id=4625

www.osservatoriomilitare.it  
politica interna
8 febbraio 2008
Se pò fa
Adinolfi diceva "si può fare"
Veltroni dice "We can"

ma non è meglio dire "se pò fà", chiaro, coinciso, e democratico.
Questo inglese, come se proiettarsi nel futuro volesse significare che i vecchietti di provincia non abbiano il diritto di capire i loro candidati. Eppure in un paese che non cresce, ma che invecchia... ed i nostri politici non è che siano proprio dei giovanotti di primo pelo... bisognerebbe essere un pò più realisti. O no??  

http://www.centomovimenti.com/2008/febbraio/08_sd.htm
POLITICA
28 gennaio 2008
E' solo un lunedi senza Re
Ciao 

è un post un pò informale. Forse anarchico dopo tanta politica, ma forse anche parlare di anarchia è parlare di politica...
L'ultimo luned' di gennaio che si consuma senza Parlamento in carica. UN interregno senza Re, nel quale mi trovo bene. Serena senza scene di delirio dal Parlamento. 

... altro che elezioni anticipate... si può consultazioni permanenti?

 
politica interna
24 gennaio 2008
Lettera aperta alla politica



 
Pochi minuti fa ècaduto il governo prodi... 
tante riflessioni vengono alla mente. Su tutti lo scempio visto in Tv...

Vi anticipo il mio venerdi...

Lettera aperta alla politica italiana

Sara Dellabella

A prescindere dalla sorte del Governo Prodi, questa missiva prende spunto da un’attenta analisi e osservazione sullo stato della politica italiana che appare sempre più persa nei grovigli di palazzo, anziché occupata a sciogliere i tanti nodi in cui incappano i suoi cives.

Parto dalla copiosa e amareggiata, e per questo bellissima lettera di dimissioni della Senatrice Franca Rame datata 15 gennaio 2007. Dopo un anno e mezzo di teatrino politico, in cui il centro sinistra si è occupato più di disegnare il Pd anziché pensare ad attuare quel minimo di promesse elettorali. E’ passato un altro Governo di centro sinistra e se Berlusconi salirà di nuovo al vertice della maggioranza sarà ancora libero di operare senza legge sul conflitto di interessi. Però adesso abbiamo il Pd, con Veltroni che da la zappa sui piedi a Prodi, assetato di elezioni, corse solitarie e leadership. A Palazzo Chigi ultimamente non si muoveva foglia se Veltroni non rilasciava il placet. Un sindaco senza nomina parlamentare che diventa perno delle trattative politiche, in prospettiva del “dopo Prodi”.

Cari politici, ma perché tanta chiusura su se stessi? Avete amministrato la politica italiana e le sorti di un paese come una banale questione di condominio, e la fine anticipata di questa legislatura ne costituisce l’esempio più chiaro. Un ministro indagato dal proprio apparato amministrativo, sovverte il tavolo di uno stato intero, chiude tutto e manda in tilt l’equilibrio di un’intera nazione. Ma come può essere possibile tutto ciò di fronte ad un operaio metalmeccanico, che per difendere il proprio contratto scende in strada sotto la pioggia, occupa e blocca autostrade. Che stato è questo, quale giustizia si può sperare in un luogo dove per il semplice fatto di essere indagati si richiede forzata solidarietà a tutti indistamente, senza il beneficio del dubbio. E’ assurdo che non esista,come in qualunque azienda, un meccanismo di sostituzione temporanea tale da ostacolare certi personaggi dal ricatto?

Questo cari signori, è un paese dove milioni di ragazzi tornati dalle nostre guerre intelligenti si ammalano a causa dell’utilizzo indiscriminato di uranio impoverito. Vittime postume che richiedono da anni lo status di “vittime di guerra”, per indennizzare le famiglie dissanguate dalle spese mediche. Vorrei sottolineare come la maggioranza di questi ragazzi siano del sud, giovani che hanno scelto lo Stato per sfuggire alla disoccupazione permanente. E poi come nascondere che di uranio impoverito sono morte centinaia di persone anche in Sardegna, dove i nostri poligoni vengono prestati alle sperimentazioni belliche degli eserciti stranieri.

Questo cari miei è diventato il Paese in cui ogni popolazione locale ha imparato a far da se, a scendere in strada, riscoprirsi comunità locale, per difendere il proprio diritto alla sopravvivenza. Perché si muore, ed il fatto che si muoia di morte lenta non costituisce affatto un’attenuante per l’assassino.

E poi ci sono quelli che muoiono in fretta, che si levano presto di torno, che fanno più fragore, ma che vengono velocemente cancellati dopo il discorso ufficiale. Sono i 1037 morti sul lavoro del 2007 e quasi 50 del 2008. Più di un morto al giorno, una guerra giocata sul risparmio delle imprese, dove il costo del lavoro si abbassa sempre di più, pagando sempre prezzi troppo alti. Tutte queste polemiche tra Destra e Sinistra, tra Pd, Cosa Bianca, Cosa Rossa etc… ci lasciano soli. Senza interlocutori, porte chiuse e corse a “Porta a Porta” per spiegare le proprie ragioni. E se non fosse stato per il salotto di Vespa che ieri misurava le emissioni di gas tossici di Pianura, nessuno dei ministri e onorevoli presenti in studio avrebbe avuto la spiegazione di ciò che sta accadendo in quella comunità. Questi signori si permettono troppo spesso, di deridere e ridurre tutte le proteste all’isteria collettiva che blocca e paralizza questo paese. Cari signori, mettete le vostre belle case davanti ad una discarica o ad un sito scelto per aprire una nuova centrale a carbone, riducete il vostro stipendio a 800 euro (senza alcun benefit), magari con un contratto a progetto. E poi condannatevi a vedere dal salotto di casa vostra, questa perpetua manfrina politica con quale ci annoiate ogni giorno, senza dare un segno concreto di speranza.

Il Time scrive che siamo il peggio paese governato, ma per tutti quelli che hanno puntato il dito verso l’avversario, vorrei rassicurare che il quotidiano inglese si riferiva a tutti, quindi nessuno si senta escluso perfavore. “Per favore vattene”, cosi titolava stamattina il giornale di Feltri. Si andate tutti via, lasciate per una volta che sia davvero una “nuova stagione”, invece di costringere i nostri cervelli a scappare altrove, dove la lungimiranza della politica si fida della scienza e non della teologia. Dove i diritti civili sono il frutto di una società che cambia e si evolve verso l’Europa. Quel grande progetto politico che spesso ci richiama all’impegno preso nel 1957, quando questo era un Paese che si costruiva in prospettiva di un futuro lontano. Quando governare era un guardare lontano, oltre i propri giorni e i propri interessi.

Gentili Signori, l’Italia sta perdendo, e voi che vi ostinate a rappresentarci state facendo il danno più grosso, lo state rendendo stanco, disilluso, privo di fantasia, schiacciato dalla burocrazia e dai baroni. Sta cadendo un governo, ma la cosa più grave è che gli italiani non ne possono più. Siamo il paese peggio governato, e per sillogismo voi che ci governate dovreste essere i peggiori d’Europa. Ma come si dice al peggio non c’è mai fine…

 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica governo prodi senato

permalink | inviato da GenerazioneURoma il 24/1/2008 alle 22:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
19 gennaio 2008
Me fanno piagne tutti
Da un editoriale pubblicato su www.centomovimenti.com    

Dopo lo show dell'Onnipotente Mastella, come ha amato definirsi mentre rassegnava le sue dimissioni da Ministro della Giustizia, l'onorevole Clemente ha lasciato trasparire commozione e persino qualche lacrima.
Ecco piange Mastella, ma "fanno piagne tutti" ha commentato qualche amico romano. Fanno piangere tutti gli applausi e la corsa alla solidarietà che hanno circondato il Guardasigilli ancor prima di sapere, di conoscere e valutare con equità la vicenda. Bè, i voti di Mastella nella storia sono stati Bi partisan, hanno fatto comodo sia alla Destra che alla Sinistra, ed è naturale che il coro della solidarietà facesse il giro dell'aula. Tanto Mastella, rimane sempre al centro, sono gli altri che si spostano, lui che colpa ha?

Mastella, Ministro della Giustizia e Sindaco del feudo di Ceppaloni. Un castello a forma di cuore (o di cozza dicono i giornalisti più maligni) e una moglie indagata. Scegliere l’amore e lasciare la poltrona per la propria amata, senza che la stessa rinunci a nulla e rilasci alcuna dichiarazione in conferenza stampa e poi riscoprirsi dopo qualche ora indagati a sua volta. E’ una storia strana, è strano che un Ministro attacchi duramente il proprio apparato amministrativo, denunciando l’accanimento della magistratura verso la politica. Ma che messaggio è? Siamo di fronte ad una casta che si chiude, e non è piu capace di condannare e prendere le distanze da certi personaggi. Ce ne fosse stato uno che abbia aspettato di schierarsi, che abbia speso una parola sull’operato della Magistratura. Ma allora i magistrati buoni sono solo quelli morti? Ma si sa, questo è il Paese, dove se il Papa viene contestato tutte le associazioni scendono in piazza, ma se i magistrati vengono lasciati soli no. E’ il paese dove il Ministero della Giustizia è in mano ad un laureato in Filosofia, oggi anche indagato insieme alla moglie e a mezzo partito del Campanile.

Un uomo Mastella, che nel momento più critico della sua carriera, ha ancora il diritto di dire che vigilerà sull’operato del governo, e sarà intransigente proprio in quanto esterno. Da indagato e confinato a Ceppaloni, esprime solidarietà all’altro confinato del momento, Papa Ratzinger. Ma che Paese è? Dove l’umiltà dell’indagato si permette di minacciare? Ma a chi la stiamo dando la seconda possibilità? alla classe politica o a questo governo che certi giorni sembra essere trapassato da un pezzo? C’è gente che riesce a vivere una vita intera senza violare mai una norma penale, e chi pur facendolo continua a occupare scranni di potere. Bocche di bei pensieri, dalle mani lunghe. Ora pro nobis, libera nos a malo… Mastella in primis

 
29 dicembre 2007
Auguri dal mondo
"...mille volte e mille piu' delle stelle in cielo
e delle allodole negli orti sulle rive del Tigri..."
scriveva un poeta iracheno
quando in Europa regnava Carlo Magno.
Oggi sulle rive del Tigri si uccide e si muore,
ma da qualche parte dell'Iraq esistono orti e allodole.

Siamo stati e siamo in luoghi che abbiamo raggiunto
perche' c'era guerra e perche' c'era miseria.
Abbiamo incontrato sofferenza e disperazione.

Ma abbiamo conosciuto, in questi stessi luoghi,
teatri offerti dalla natura o creati dall'uomo
per lo spettacolo necessario e possibile
della serenita', della felicita', della pace. Della vita.

Abbiamo scoperto che il nuovo esiste gia',
l'impronta, nel presente, del futuro possibile.
Il domani della malattia e' la guarigione,
e il sogno puo' accadere nella veglia.

E' in questa scoperta l'augurio per l'anno nuovo.

Felice 2008 da Emergency!


 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iraq emergency

permalink | inviato da GenerazioneURoma il 29/12/2007 alle 12:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 dicembre 2007
Buon Natale...
So che è già passato qualche giorno,
che non è stato un gran NAtale. Che molti sarebbero stati più contenti di stare in un'isola deserta...
Che il regalo che avete ricevuto non era quello che volevate, che qualcuno s'è preso il vostro regalo e dopo due giorni vi ha mandato a cagare definitivamente.

VAbbè. Abbiamo tutti i nostri problemi... 
  

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. babbo natale natale problemi cene uff

permalink | inviato da GenerazioneURoma il 27/12/2007 alle 21:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sessualità
2 dicembre 2007
Sesso, droga e rock 'nd roll







TI DICO UNA COSA:

se corri, SEI FUORI STRADA   

se esci con una ragazza e bevi, baciala... ma non fare il figo in strada. Rischieresti di farle del male... sei fuori strada per dirle che ti piace!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. alcol sesso. droga strada discoteca

permalink | inviato da GenerazioneURoma il 2/12/2007 alle 13:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
consumi
1 dicembre 2007
Acqua un bene comune
ACQUALE COSTO...

quale costo siamo disposti ad esborsare per un bicchiere d'acqua del nostro rubinetto. Quanto paghiamo quell'acqua ogni mese? Quanto la pagano le società che ce la forniscono?
Avete bevuto Rocchetta, Ferrarelle, Acqua Panna...? sicuramente si. Quanto lo avete pagato quel mezzo litro che vi portate sempre in borsa? 50 cent, forse 1 euro se l'avete presa in qualche Bar. MA queste società quanto pagano alla fonte? in alcuni casi pochi millesimi di centesimi, già tanto poco, che non sembra poter essere matematico. Meno della nostra moneta più piccola. Non esisterebbe una moneta per poter pagare un litro d'acqua come lo paga Rocchetta al Comune di Gualdo tadino, quindi lo paghiamo di più. Che ci fannole grandi aziende con questi profitti da capogiro? CI PAGANO I TESTIMONIAL...    calciatori, veline, suore, scalatori, comici etc etc...










politica interna
8 novembre 2007
generazione U - incontro
L'assemblea di Generazione U è convocata per

domenica 18 novembre alle ore 12.30 a Roma


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. acqua pubblica

permalink | inviato da GenerazioneURoma il 8/11/2007 alle 21:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 50034 volte